MIRANDO AL CUORE, IL LUOGO SACRO DOVE LA FIAMMA RISIEDE

amazzone

Quanto amo questa immagine… mi riporta alle origini, le mie.

Lo raccontai poco dopo la nascita di questo blog in un articolo, in un cammino precedente sono stata questo, un’Amazzone, una donna selvaggia, con tante cicatrici, una di quelle che ascolta il vento e annusa la terra, di quelle che tra gli alberi di un bosco si mimetizza con la natura perchè ne è parte integrante, che osserva e lascia fare prima di mirare e colpire… questa parte di me mi accompagna costantemente e le devo molto.

Che strani giorni questi, la vibrazione si alza e la terra pulsa, il cielo parla e canta un canto antico, tutte le energie in fermento creano grande marasma interiore e portano al continuo rivelare di una natura spesso nascosta per bene, forse è per questo che in questi giorni il mio essere Amazzone richiama la mia attenzione, ma io qua non combatto nessuna lotta, non devo portare nessuna giustizia, io qua utilizzo il mio arco e le mie frecce per mirare alla Fiamma di ognuno e farla ardere… e questo non può essere nulla che si ricollega alla lotta, anzi!

LA VIBRAZIONE SI ALZA,

LA TERRA PULSA,

 L’ENERGIA SPACCA LA MATERIA.

Ci siamo, per quanto mi riguarda ci siamo, tutto ciò che per tanto, ardentemente abbiamo atteso ora è QUI.

Ecco perchè le ombre emergono, tutto segue un piano così perfetto che, come scrissi qualche giorno fa sulla mia bacheca di facebook è davvero disarmante.

Ma checchè se ne dica, e se ne dice a quanto pare, io ci credo, credo fermamente in me stessa e credo a quanto vedo… il mio è un dono che agli occhi di molti è preso per pura follia, ma va bene lo stesso, io ci credo e credo che da qua in poi ogni freccia scagliata non ferirà più, non ucciderà più.

Lo dico perchè ora siamo in risalita, stiamo tornando dall’inferno.

Dopo essere stati lì, quando si comincia a risalire, nulla più può toccare perchè la tempra, la consapevolezza, la volontà e la voglia assoluta di costruire sono così forti che nulla tocca, anzi, fortifica ulteriormente e da quelli che possono apparire come punti deboli si scopre invece di avere una grande energia vitale tale da rinvigorire lo spirito ancora di più.

Ma l’arco e le frecce servono, un tempo le utilizziavo in modo concreto, in questo cammino il mio arco e frecce sono un foglio e una penna… ops.. una tastiera e le dita, che consentono di espirmere quanto il Cuore mi trasmette, dunque miro sempre lì, al Cuore.

Il luogo Sacro dove la Fiamma risiede.

Beh, potrei definirmi un’Amazzone moderna dunque!

Ma resta un fatto, stiamo andando incontro ad un momento straordinario, il Portale del 12 Dicembre segna una grande rinascita, il prosegui della rivelazione dell’essere da un lato e il palesarsi in modo sempre più forte e costante del Nuovo Mondo e noi, tutti, siamo qui e posssiamo vivere appieno questo momento.

Per questo vedremo tante torri crollare e tanta voglia di costruire.

Queste le parole di una persona che ancora oggi ascolta il vento e annusa la terra.

Il linguaggio più antico di ogni conoscenza acquisita successivamente, mi basta, mi da modo di restare sempre in ascolto e di sentire il profumo della Nascita.

E questo è ORA.

Siate Luce!

Stefania Ricceri

 

 

 

Please follow and like us: