UN CAPOVOLGIMENTO PORTA RIVELAZIONE E CONDUCE AL COMPIMENTO.

capovolgimento

 

Mercoledì 25 Maggio 2016

Intorno alle 23 comincio a sentire molte presenze in casa, molti rumori si manifestano, avverto l’unione o comunque l’accavallamento delle dimensioni.

La visione si manifesta.

Mi trovo alla Sacra di San Michele come sempre, ormai da tempo è sospesa e alla base presenta un vortice di energia con la punta a contatto con la terra.

Mi dirigo verso la statua di Michele e la guardo con attenzione, sentendomi in compagnia comincio a parlare raccontando cose mie legate ad emozioni e situazioni che sto vivendo.

Tutto intorno è pace.

Il cielo si fa buio, mi guardo intorno restando in silenzio.

In modo fluido la Sacra si capovolge ed io con essa.

Mi sento bene, non avverto alcun fastidio o disagio legato a questa nuova condizione, so di essere a testa in giù, ma tutto è tranquillo, lo percepisco come naturale.

Sporgendomi dalla balconata vedo rivolto al cielo il vortice di energia che esce dalla base della Sacra.

Dalla punta dello stesso, un lampo, come scosse elettriche, creano un filo piuttosto spesso molto luminoso che entra poi nel cielo inoltrandosi nel cosmo.

Giovedì 26 Maggio 2016

Tutto rimane invariato alla Sacra di San Michele, restando lì però si alternano flash in cui vedo una grande palla bianca luminosa arrivare a gran velocità.

Venerdì 27 Maggio 2016

Grandi eventi presto si manifesteranno.

Il “rovesciamento” richiede un grande quantitativo di energia che non passerà inosservato alla percezione umana.

Non si ribaltano i poli della terra, ancora, gira la vibrazione che muta l’essenza.

L’elica è pronta.

La precarietà manifesta sussulti assestanti che creano il nuovo equilibrio in ogni essere vivente, in alto e in basso.

Ora ognuno vede ciò che è, tutto è davanti agli occhi. La percezione che nel tempo lineare è stata manipolata e distorta ora diventa limpida. Adesso si vede e distogliere lo sguardo non è più possibile.

L’allineamento nel cielo che precedentemente mi ha mostrato il Diamante rivela la nascita e la morte, che nell’avvicendarsi si intrecciano come situazioni distinte, portano a comprendere che fanno parte della stessa radice.

La radice si scopre per cogliere l’energia del cosmo che manifesta la conoscenza antica e la riporta in superficie perché tutto è sempre stato coperto, ma è sempre esistito.

Sabato 28 Maggio 2016

Tutto resta invariato alla Sacra di San Michele, ma guardando lo spesso filo di luce che si perde nel cosmo vedo che dall’alto prende a pulsare spingendo verso il basso energia che penetra nella Sacra e avvolge ogni cosa, me compresa.

La grande Madre si prepara ad accogliere la nascita della nuova vita, un graduale passaggio accompagna l’essere verso il palesarsi del Nuovo Mondo, l’elica è ora piena di materia nuova, il processo di integrazione procede.

L’ultimo trimestre conduce al compimento.

La Luna nuova porta il manifestarsi della rivelazione e amplifica il compimento.

Il parto è ormai prossimo.

Siate Luce!

Stefania Ricceri

Please follow and like us: