DAL 21 AL 27-6 IL VERO VOLTO SI MOSTRA

É necessario passare da qui per poter avanzare.

Dal 21 al 27-6 il vero volto si mostra attraverso un ingresso plateale che produce sgomento; la luce illumina l’occulto, ma, nonostante ciò, ognuno vedrà in esso quel che è pronto a vedere.

E nel brusio del mondo che inneggia alle fazioni, la guerra tra poveri imperversa e, laggiù, ancora, la pace non c’è.

Un gioco questo che sta arrivando ad un culmine e che porterà ad un epilogo davvero interessante.

Ora però resta la discrepanza, l’incongruenza, l’incoerenza, l’ottusità e la psicosi.

E la conta dei morti sale…

A cosa è capace di arrivare l’essere umano che si fa sopraffare dalla paura?

E questa paura, fino a che punto vuole arrivare nel suo incuterne?

Dal 21 al 27-6 il vero volto si mostra.

Quanti morti ancora dovremo piangere prima di comprendere?

Nel frattempo però il cielo si muove e dal profondo lontano continuano ad arrivarci particelle sconosciute.

Particelle composte da acqua gelatinosa che sta donandoci codici rigenerativi che assorbiamo nostro malgrado.

Per ognuno un diverso effetto, per ognuno un diverso stimolo, per ognuno una diversa risposta.

Fatto sta che ancora, l’essere umano, nel cercare di farsi accettare dal branco, risulta essere pronto a vendersi pur di ricevere una misera pacca sulla spalla.

Pacca compiuta da una mano tremolante come conseguenza di un inoculamento perverso che intende raggiungere il nucleo vitale per smontarlo, un pezzo alla volta, e manipolarlo al fine di domarlo e renderlo totalmente inerme.

Dal 21 al 27-6 il vero volto si mostra.

La tosse si fa sangue e gli occhi diventano opachi.

Lungo le strade individui cadono al suolo privi di sensi e nessuno si degna di prestare loro soccorso.

Non per noncuranza, bensì per non accorgimento.

L’inerme non si accorge di sé, men che meno del suo prossimo.

E la luce imperversa calda e dirompente dando alle ombre nuove forme, definendole, anche.

In tutto questo, individui nel ridestarsi dal richiamo dell’esistere, nello scegliere di vivere, osservano quanto li circonda in cerca di anime a loro affini.

Anime con cui poter costituire i nuovi clan.

Anime che formuleranno la nuova società.

Un tempo lo dicevo e oggi mi trovo a ribadirlo:

Resteremo, resterete, resteranno in pochi; ma da pochi diverremo, diverrete, diverranno molti e molti e molti.

Dal 21 al 27-6 il vero volto si mostra.

Auguro ad ognuno, anche a me stessa, di riuscire a districarsi nel tempo del grande inganno; dove ciò che è vero passa per falso e ciò che è falso passa per vero.

Auguro ad ognuno, anche a me stessa, di riuscire a discernere mantenendo congruenza in quanto, siamo solo al principio di una rivelazione senza precedenti.

Al principio di un vento che soffierà forte lasciando in piedi solo coloro che avranno scelto, consapevolmente e coscientemente, di radicarsi e connettersi alle energie cosmiche, verticalizzandosi.

Siamo carne e sangue.

Siamo Essenza e Divino.

Nell’integrazione dell’Umanità che siamo comprendiamo la Spiritualità che da tanto ricerchiamo.

Siamo qui per dare Corpo allo Spirito.

E ce la faremo, siamo progettati per farcela.

E, in tutto questo, ricordati…

Ricordati di vivere!

Torneremo a guardare le stelle.

A tutti i Cuori impavidi.

Procedo contemplando il mistero che mi avvolge e nel quale respiro il soffio Sacro della vita.

E il viaggio continua…

Se vuoi approfondire con la tua consulenza con i Tarocchi online in video chiamata mi trovi qui.

Possiamo anche restare in contattosu Facebook.

Iscriviti alGruppoFacebook, ogni domenica, in diretta, dalle ore 21,00, con la possibilità che venga estratto un Arcano per te.

Con Forza, Coraggio e Fede.

Siate Luce!

Stefania Ricceri 

Please follow and like us: