DALL’8 AL 14-3 IL CRESCENDO DEL MANIFESTARSI

Osserva ciò che si muove.

Dall’8 al 14-3 il crescendo del manifestarsi nella materia di ciò che accade dentro, porta all’aumento di domande che si formulano e, mentre il cielo si riempie di punti interrogativi, le energie procedono in un innalzamento che porta allo scompiglio che precede la resa dei conti.

Nella lenta comprensione del fatto che ogni cosa segue un suo ciclo nella naturalità delle cose, ci si accorge di come nulla avviene nell’immediato.

Nell’osservare ciò che si muove il processo trasformante si formula su basi ricalibranti, seguono un flusso che si dispiega secondo natura.

Dal profondo lontano è sopraggiunto un forte vento composto da particelle nuove.

Portano destabilizzazione nei criteri degli schemi seguiti in quanto producono segnali sconosciuti.

Dall’8 al 14-3 il crescendo del manifestarsi.

É arrivato il momento di iniziare a vedere le cose nel loro insieme con l’apertura verso la nuova concettualità della Nuova impronta che va, naturalmente, formandosi. 

E il cielo si riempie di punti interrogativi che vengono prodotti dagli esseri che iniziano ad accorgersi della grande operazione mediatica.

Iniziano ad accorgersi di una parola che è stata sotto gli occhi di tutti senza finora essere vista davvero:

“SPERIMENTALE”

E nel dispiegarsi della “vigile attesa”, nel crescendo dell’innalzamento vibrazionale, nell’intensificarsi dei punti interrogativi che riempiono il cielo, si inizia a comprendere che le cose no, non sono come sembrano.

Ci sono ancora tante ruote del criceto che girano, ma anche nell’incessante girare, portano a domandarsi:

Andrà tutto bene quando?

Distanti oggi per essere vicini quando?

Dall’8 al 14-3 il crescendo del manifestarsi.

Quelli che invece hanno preso a rallentare la corsa della ruota hanno sentito i sussulti della terra, il fuoco, il ghiaccio, il vento.

Hanno iniziato a vedere nel cielo formazioni e movimenti sconosciuti.

Chi, invece, dalla ruota è sceso, cammina nel mondo sapendo che, nella grande illusione, non è nelle parti che si incontra la verità, bensì nel mezzo, al di sopra delle stesse.

Ciò non vuol dire l’aver capito tutto, anzi, vuol dire capire di non aver capito niente.

E da quel niente procedere, semplicemente, osservando ciò che si muove e contemplando il mistero dell’esistere, smettendo di voler capire e iniziando a sentire.

… E torneremo a guardare le stelle.

A tutti i Cuori impavidi.

Procedo contemplando il mistero che mi avvolge e nel quale respiro il soffio Sacro della vita.

E il viaggio continua…

Se vuoi approfondire con la tua consulenza con i Tarocchi online in video chiamata mi trovi qui.

Possiamo anche restare in contatto su Facebook.

Iscriviti al Gruppo Facebook, ogni domenica, in diretta, dalle ore 21,00, con la possibilità che venga estratto un Arcano per te.

Con Forza, Coraggio e Fede.

Siate Luce!

Stefania Ricceri

Please follow and like us: